Un fiume rosso sangue

Un fiume rosso sangue scorre sulla mia mente
vortici di pensieri tengono bloccate le mie braccia
cerco di sconfiggere la noia in un albergo a ore
avevo un bel pó di candore ma non so dove sia andato a finire

China su di me fai quel che puoi con la mia anima
percorro lento l'autostrada dei tuoi capelli
sul più bello mi fai venire qualcosa in mente
nessuno ti sarà mai grato quanto me

Avevo tanti ricordi ma gli ho buttati
cerco fra le mie scuse quella meno ridicola
trascino l'involucro della mia anima
pioviggina appena sul mio disperato far niente

Un fiume rosso sangue scorre sulla mia mente
su di me occhi sbarrati di vecchi annegati ancora sott'acqua
li guardo a lungo cercando la differenza
mi tengo a galla se posso
mi tengo a galla se voglio

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

ritratto di Lysi

ne arriva quasi un senso di

ne arriva quasi un senso di impotenza, come quando in dissociazione, all'interno di se stessi, osservi un particolare ineluttabile. È particolarmente forte l'impatto di quegli occhi annegati in cui si riflette il proprio senso di morte. "mi tengo a galla se voglio" , ultimo lumicino acceso. però c'è....

Di impotenza e rassegnazione,

Di impotenza e rassegnazione, anche nei confronti di quel senso di morte. Il senso di speranza alla fine ho voluto metterlo al di là dello stato d'animo non proprio positivo.

ritratto di Lysi

appunto, quel lumicino

appunto, quel lumicino esiste.......aggrapparsi alla speranza, unico salvavita possibile ma bisogna tenersi forte e crederci.

 

ritratto di Sabyr

Eccomi a curiosare

Mi ha attratto il titolo.... La parte che più mi piace è la chiusa, nelle mie corde. Ha un che di oscuro e drammatico. All'inizio sembra trionfare la rassegnazione...ma verso la fine quasi un noto di rabbia e quel "mi tengo a galla se voglio" denota ancora un barlume di coscienza e forza....e quegli occhi sbarrati, si mi piacciono molto....sembrano spie ormai mute e neutralizzate....

Il finale è stato scritto

Il finale è stato scritto separatamente rispetto al resto del componimento che è venuto fuori di getto. Seppur non con uno stato d'animo migliore ho voluto spezzare il senso di rassegnazione. Comunque ti ringrazio molto.