Introspezione

Ho avuto eccessi d'ira e la mancanza di alchimia con Dio
mi sono annoiato e ho abusato del mare per scrivere versi che non avevo in mente
ho elemosinato un pó di lussuria
sapendo solo viverla e mai raccontarla
c'è qualcosa in certe sere che sa di amarena
e il rosso del cielo sembra indulgente con le anime perse

La vecchia sulla panchina getta tozzi di pane ai piccioni
il bubolare del gufo scandisce il tempo altrimenti fermo
il vento è un lamento che mi fa sentire meglio

Ho finito le porte dei sogni dove potermi infilare
l'ho sfangata mille volte in modo ruffiano
cercando qualcosa da tenere per me
abbassando ogni volta l'asticella

Non credo più ai versi di alcuno
osservo la disperazione di molti
Santi Protettori mi ingiuriano perché non voglio alzarmi dal letto
sono solo un patetico sbruffone
sono solo armato di retorica e rimpianti

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

ritratto di paola_salzano

Non so bene per quale motivo,

Non so bene per quale motivo, ma questo sfogo mi è piaciuto...forse perché lo sento vero.

Mi sembra un bilancio, che in quanto tale è pieno di tante cose.

Chissà che nella vita di ognuno, ci possa essere sempre qualcosa da salvare...

Ciao,

Paola.

Ciao Paola, si è un bilancio

Ciao Paola, si è un bilancio fatto durante uno stato d'animo non proprio positivo e quasi onirico. Può anche essere giustamente definito uno sfogo come hai scritto tu. Contento che ti sia piaciuta, ti ringrazio, ciao.