Parole

ritratto di Khepri65

Le signore con la borsa della spesa si raccontano gli ultimi pettegolezzi del paese.

La vecchietta curva sul bastone bisbiglia  nel suo dialetto incomprensibile frasi ripetute all'infinito.

I ragazzi all'uscita della scuola le urlano, le storpiano, le imbruttiscono.

Parole, parole...

Gli innamorati le sussurrano lievi, le inzuppano nel miele e le offrono come caramelle certi che saranno per sempre.

Chi non si ama più le usa come pietre, le tiene in tasca,  e al momento giusto le scaglia mirando dritto al cuore.

I veri amici le usano in quantità, senza freni e senza filtri, parole di allgria, di complicità e di sostegno.

I falsi amici le distorcono, le pesano, le studiano e spesso le stravolgono. Hanno il peso delle piume al vento.

Parole.

Le parole di un padre verso un figlio difficile, parole tirate, dolorose, urlate.

Le parole di una madre per una figlia che se ne sta andando, parole sagge, consolatrici, parole già ascoltate.

Parole dei bambini,  innocenti, curiose, squillanti.

Parole, farne buon uso dipende solo da noi altrimenti  nel dubbio taciamo, e,  magari.....sorridiiamo.

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento