Miles ingloriosus

Dovrei maledire cento volta al dì quel pavido core.

Gonfio di crassa superbia.

Il soldato cade in combattimento;

le forze tradiscono il titano invulnerabile.

Venne al mondo e appartiene alla terra.

Pace non sfiora l'animo in guerra.

Armi di legno contro corazze d'acciaio.

Sorte segnata da tragico guaio.

Il miles non combatte per la patria;

è al soldo di chi paga di più.

Menzogna e disonore

dormono insieme

accovacciati sino all'alba

e, con sguardo sprezzante

irridono patetiche virtù.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento