Sdraiato nella vasca

 

Voleva comprarla una di quelle tuniche stile KKK, non perchè gli interessasse farsi dei buchi nel cappuccio bianco ma per una certa riverenza nei confronti della ritualità in situazioni che dovevano richiedere un coinvolgimento interiore, però non era la vera ragione, doveva ammetterselo.

 

Indossare una sorte di biancore durante la fine imminente di un'incertezza gli faceva esorcizzare gli attimi trascorsi prima della prima ostia e l'obbligo di una camicia slim prima che lo Spirito Santo arrivasse con le scale mobili.

 

L'ha trascinata dietro un oleandro di grosse dimensioni, è ancora agonizzante.

I capelli sempre più impiastricciati dallo spostamento riflettono il buio della lucentezza.

Le urla sono state recise dalla sua incredulità, e l'idea di essere al capolinea si sta trasformando in speranza di essere al capolinea, viste le ferite.

 

E' stato essenziale, l'ha calpestata solo un paio di volte dopo che le gambe iniziavano a cederle, dopo essersi dimenticato di aver corretto il suo bicchiere, quasi autolimitando il suo sadismo nello scordarsi il gesto pregresso, e non potendo gustare con sufficiente partecipazione i suoi restanti istanti, si è incupito.

 

Il selciato si adatta alla trivialità che un corpo assume quando è inerte,

ed è il momento di leggerle ad alta voce, anche senza sgabello,

le illazioni tramutate in parole, suoni soffici tra i gemiti scemanti.

 

“Ascolta qua, e non gorgogliare sangue che ho qualcosa da farti sentire.”

 

Allarga il foglio ammaccato e si schiarisce la voce.

Tenere tra le mani la carta è una perfetta assurdità: non c'è nulla di paragonabile.

 

“In giorni come questo uno può deprimersi anche solo con lo spot pubblicitario di un dirigibile.

Finirla di continuare, finirla di farla finita o finirla di impazzire.”

 

Non continua, a leggere.

Si blocca, sentendosi inutile, come sempre, nelle esternazioni da proporre.

 

La guarda sapendo che saranno morti, ancora per tanto.

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (1 voto)