Penso

ritratto di capicoddu

Penso di avere una grande fortuna che ha un nome di donna.

Non mi capacito. Scruto nella mia testa ma mi restituisce il niente  di una zucca vuota;pensavo di sapere ma mi ritrovo ignorante; mi guardo allo specchio  e anche se mi ostino a non vedere, lo specchio mi dice che gli anni si sono mangiati la carne ; glisso sul sesso che mi dice posso ma non voglio anche se, considerato che non voglio, non so come posso affermare che posso;  penso di essere supervalutato e so di essere un bluff.

Poi scruto il mio cuore che pompa amore.

Forse è ancora giovane

Forse la mia fortuna ha un solo nome, è il tuo.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

ritratto di effetticollaterali

Pensare

Pensare di scrivere, che brutta abitudine!