ABBIAMO TUTTO E NON ABBIAMO NIENTE

.

Abbiamo tutti la televisione,

naturalmente con il digitale,

la sera, sulle comode poltrone,

scegliamo lo spettacolo ideale.

 

            Abbiamo pure l’auto parcheggiata

            accanto al marciapiede, per andare

            nei posti di lavoro o viene usata

            per far la spesa o per recarsi al mare.

 

Abbiamo, quasi tutti, confidenza

con il computer, mezzo assai moderno,

che ci permette un’ampia conoscenza

e ci rapporta con il mondo esterno.

 

            Abbiamo sempre il cellulare in mano

            per contattare chi ci vuole bene,

            ci serve da vicino e da lontano

            e quando manca … nascono le pene !

 

In molti abbiamo il frigo, la caldaia,

la macchina del gas, la lavatrice,

le scarpe (forse più di quattro paia)

con la lavastoviglie e friggitrice.

 

            Un coniuge (oppure un convivente),

            i figli … che ci accrescono i pensieri,

            i debiti, problema permanente

            e ci sentiamo, spesso, prigionieri

 

d’un vivere sociale che ogni giorno

diventa sempre più difficoltoso

e ci guardiamo tutti quanti intorno

in cerca d’un consiglio coscienzioso

 

            che ci permetta di sperare ancora

            in un traguardo vero e costruttivo,

            invece, come … il vaso di Pandora,

            la vita resta un fatto … “punitivo”.

 

… Abbiamo tutto e non abbiamo niente,

perché ci manca l’elemento base,

ovvero la sostanza prevalente

che ci renda sicuri ad ogni fase.

 

            … Ci manca la certezza del lavoro,

            ci manca la fiducia nel domani,

            la nostra vita è come un pomodoro

            spremuto da … “ladroni disumani”.

 

Son “loro” che raggirano la Borsa

(con l’euro ch’è indigesto all’Inghilterra),

… ma in questa enigmatica rincorsa …

… restiamo sempre … col sedere a terra !!!

.

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento