CIME DEI CIPRESSI.

ritratto di Mauro_Farina

Le nostre alte cime,
da questo vento
lentamente scosse,
verso il mondo
qui circostante
ai nostri occhi
sempre puntano:
nulla a noi
potrà mai sfuggire.
Gioie e dolori,
giochi di bambini
e pettegolezzi
di adulti,
nuovi amori appena nati
e vecchie solitudini:
tutto a noi arriva
senza che mai
alcun dubbio
sia destato;
anche questo amore,
che troppo presto
è terminato
per un male incurabile
che mai nessuno
avrebbe atteso,
mentre la vita
ancora scorre
sotto gli occhi di chi
nessun dubbio
abbia mai destato.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (1 voto)