LA VERITA', PRIMA O POI, VIENE A GALLA

.

“Mi chiamo Sonia, sono un ex amante

di suo marito, se mi fa entrare …”

le disse la ragazza conciliante

e Lara ch’era intenta ad ascoltare …

 

l’accompagnò fin dentro la veranda.

Riprese Sonia: “Franco mi ha tradito

con quella puttanella di Iolanda,

in pratica mi ha dato il benservito …!”

 

Ma Lara la interruppe: “Io sapevo

che lui se intendeva con Sabrina,

di lei neppure lo presupponevo,

a parte delle avances con mia cugina,

 

dell’altre donne non so proprio niente !”

Aggiunse Sonia: “M’ha portato a letto

per quattro anni, Franco è un deficiente,

s’è divertito senza alcun rispetto !

 

Comunque adesso voglio vendicarmi,

se pure lei, signora, è d’accordo

vorrei punirlo con le stesse armi,

per fargliela pagare a quel balordo !

 

Chiamiamo sia Iolanda che Sabrina,

facciamole venire qui adesso,

dirò della condotta libertina

che Franco disponeva per il sesso !

 

Signora, scusi, a che ora torna

il suo consorte, infame traditore,

che si diverte a mettere le corna

a tutte quante, senza alcun pudore?”

 

Rispose Lara: “Alle diciannove,

ritorna dall’ufficio per la cena

e poi riesce, ma non so mai dove,

s’inventa sempre qualche scusa amena !”

 

Decise Sonia: “Chiamo io Iolanda,

nel mentre lei inviti anche Sabrina !”

Con una messinscena veneranda,

un’ora dopo giunsero in sordina,

 

le due amanti e vennero aggiornate

su Franco che giocava con il sesso

e loro ch’eran state soggiogate

dal suo sfrenato sogno di successo …

 

Le quattro donne andarono in salotto

per meglio organizzar la punizione.

… Le femmine son maghe del complotto

e sanno come dare … una lezione …!

 

La sera stessa ritornò il marito

e Lara, a cena, in modo assai gentile

gli disse: “Scusa, ho fatto qualche invito,

ci son due amiche, non mostrarti ostile !”

 

“Chi sono?” chiese Franco interessato.

All’improvviso apparve sulla porta

Sabrina !  Franco è subito sbiancato,

con gli occhi spenti, con la faccia smorta,

 

col cibo intrappolato nella gola

e il sangue che scoppiava nel cervello

da non riuscire a dire una parola,

… l’avevano attirato in un tranello !

 

Ed alle spalle di Sabrina, lesta,

sbucò Iolanda con lo sguardo fisso,

la quale disse, con la voce mesta:

“Ti senti scivolare in un abisso?

 

Andiamo a letto insieme con Sabrina,

facciamole vedere a tua moglie

come sai violentare la vagina

e come ci costringi all’altre voglie !”

 

… Un gran ceffone, un pugno molto forte

… ed il boccone gli finì nel piatto !

Uscirono le amanti e la consorte

fissò il marito, … affranto e stupefatto !!!

.

 

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento