Sto andando

ritratto di capicoddu

Sto andando,  gli occhi persi nel mare, spenti e gonfi come il mio cuore.

Cercano quello che non potrai mai darmi, cercano amore, anelano dolcezza, una goccia di speranza,l’ultimo soffio di vita da respirare a pieni polmoni prima che la vita consegni le sue armi.

Ti bacio come mai nessuno, anche se il bacio non ha il sapore delle mie labbra, ma il calore di queste parole

Ho cercato di allontanare la mia sera, ero felice nel mio raggio di sole anche se mai mi sono nutrito del suo calore.

Abbagliato nei sensi dalla sua luminosa bellezza ho sofferto in silenzio, felice delle mie ferite e in balia del mio cuore sanguinante

Ora che la luce è diafana  perché questo sole si è consumato, ho paura della notte plumbea che  mi abbraccerà, fredda del  gelo che avvolgerà la mia carne senza che il soccorso delle carezze e del ricordo possa lenirne i brividi.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento