Sfida

ritratto di Aurelio Zucchi
 
 
E vado incontro al giorno.
La notte è stata lunga,
più buia d’immeritata cella.
 
Gli occhi mi deplorano, stanchi,
ed ora devono guardare avanti.
 
Lo chiede la vita,
quella ancora inesplorata,
quella stessa vita che ieri intimava
oggi intima e domani intimerà
di sognare qualcosa, qualunque cosa.
 
Il sole verrà a distrarre inquietudini,
brucerà ogni residuo d’amarezza.
Ore su ore coleranno l’incerto oblio.
 
Ed ancora andrò incontro alla notte,
ennesima sfida dell’esserci.
 
 
*
Roma, 26 Gennaio 2014

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento