NOTTAMBULI IRREQUIETI

ritratto di michael-santhers
 
Un gatto,in finta dormiveglia
con le fusa addomestica
le follie a spirali del poeta
scarso d'ispirazione
capisce perchè lei l'ha lasciato
e i fogli arrotolati nel cestino
sono parole che non riuscì a dire
 
L'ombra di due pezze e uno scoglio
occhiali e naso giocati da una lampada
su una frase irrequieta
 
Dalla finestra la luna ingrassata
incinta di presagi
evoca mondi lontani
che si sono avvicinati
per dire che ognuno cerca
la felicità altrove
 
S'ode la rabbia dei motori
intenti singhiozzanti a scacciare
tra applausi di guerci lampioni
i cupi pensieri dei piloti
e i sogni d'amori gonfi di bramosie
attardati sui tetti muschiati
e che al chiarore felpato dell'alba
potrebbero morire trafitti
dal dolore del brusco risveglio
 
Smania il sole sotto scura coperta
e scintille roventi le stelle
la stanno incendiando
e nessuna nuvola a spegnerla
ma solo le lacrime di un bimbo
sgorgate da un incubo
evaporate al caldo di un seno
--------------------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

ritratto di renero

ma sai che non è male? mi

ma sai che non è male?

mi spiego, penso che abbia una sua armonia di fondo. 

quello che ho gradito meno è l'eccessiva linearità del testo:

Es:

le lacrime di un bimbo

sgorgate da un incubo
 
evaporate al caldo di un seno
 
 
- qui si poteva osare almeno una metafora. al posto di 'lacrime di un bimbo', ad esempio. 

avrei osato un po' di più insomma. 

e provato, magari, ad asciugare un po' il testo, renderlo un po' più efficace e diretto.

a rileggerti, 

 
renero
ritratto di michael-santhers

Ciao

grazie dell'opinione che induce a riflessioni migliorative...michael