Il dono

Non crediate che venire
al mondo sia facile.
Questa gran brutta bestia che
è la vita ti illude ti fa
stare nove mesi o giù
di lì dentro una pancia
al caldo senza fare nulla
poi all’improvviso
ti sbatte fuori
al freddo e in un batter d’occhio
ti ritrovi rosso paonazzo
in mezzo a gente che
ti sorride ma tu non lo sai
cos'è il sorriso e te
la fai addosso dalla paura.
Poi ti mettono in braccio ad una
donna piu stressata di te
la quale per calmarti e forse
anche per calmarsi
ti ficca in bocca una pallina
di carne e tu la devi succhiare.
Dài succhia, datti da fare
se vuoi che il latte venga fuori.
E impari allora che
nessuno ti regala nulla.
Si deve piangere e piangere
e piu piangi piu si
preoccupano, e se piangi
di notte vengono a cullarti
se piangi di giorno ti portano
a spasso, se piangi quando sporchi
il pannolino ti puliscono il sedere
se piangi quando hai fame ti danno da mangiare
e se piangi
solo perché vuoi rompere non è per
cattiveria ma perché hai capito che rimanendo
zitto lei non ti bada e tu hai tanto bisogno
delle sue attenzioni dei suoi baci e delle sue carezze
e quando lei disperata non ne può più
piangerà insieme a te
che sei venuto al mondo
come un dono del Signore.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento