In Cuor Proprio...

ritratto di Mauro_Farina

In cuor proprio
si rallegra il credente
che fino alla fine
ha sperato e pregato:
nulla egli deve temere
perché l’anima sua
sul finir della terrena vita
verrà salvata!
Nulla al Supremo
può sfuggire:
dall’alto del suo trono
tutti guarda e giudica,
fino alla fine dei giorni tutti.
Ed il giudizio avverrà
nell’alto dei cieli,
ove i giusti risiedono:
ed i dannati
in un altro mondo
bruciando periranno
tra tristi e cupe realtà,
ove calpestata
è l’umana dignità.
E nulla sarà frodato
senza poi essere restituito
nell’ultimo giorno,
in quanto egli
è giudice ed avvocato supremo:
la giustizia divina
verrà applicata,
come applicate saranno le pene
composte per chi
la rinuncia propria all’altissimo
continuerà a sostenere.
E mai sarà aiutato
nell’infinito aldilà chi,
al bene Divino
mai ha creduto,
e sempre la vita propria
nel peccato ha posto.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento