La notte

Il gatto punta la preda con passo felpato e la cattura con un guizzo vincente; felice e contento gioca un pò con il suo trofeo prima di ritirarsi a mangiarlo. Qualcuno bussa a una porta non essendo sicuro che verrà aperta; qualcuno è sveglio e guarda il soffitto dei pensieri finiti; qualcuno ha accanto nel letto una persona mille miglia lontana. La Luna assiste a tutto questo come una spettatrice riservata, con una luce che sembra voler essere complice. Illumina due imboscati in un parco e i loro trenta minuti di evasione e le finestre con dentro le tv a basso volume di chi gli sta ad aspettare. Da qualche parte il frinire dei grilli serve da sottofondo a una conversazione confidenziale, da qualche altra concilia il sonno a chi invece deve andare. Chi sa farlo usa le ore per spurgare tutto ciò che ingombra; prima che torni il mattino, prima di dover riallacciare la cintura. Alcuni hanno dei pensieri fantastici la notte, peccato non gli scrivano mai, alcuni altri non perdono tempo a pensare.

 

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

ritratto di Tintin

l'atmosfera

c'è. Avrei preferito qualche dettaglio in più per scandire la lentezza della notte. Forse è un bel pensiero che andrebbe approfondito e rivisto. (credo ci siano piccoli errori)

Quando ho terminato di

Quando ho terminato di scriverlo ho sentito un senso di incompleto nel finale. Ho preferito non forzare aggiungendo qualcosa di non spontaneo e darlo in pasto così pensando che magari avrei apportato qualche modifica più avanti. Farò attenzione nel trovare gli eventuali errori di cui mi hai ravvisato. Ti ringrazio.