Neutroni lenti

ritratto di Lysi
 
Neutroni lenti   
 
 
L’origine del male nell’origine dell’atomo ?
 
Da quando lavorava al laboratorio le sue stesse leggi di coscienza sembravano percepire altre realtà. L’uomo avrebbe avuto la capacità di usare la scienza a fin di bene ? 
 
NO.   Questa era la sua risposta. No. Cinicamente, crudamente. 
 
Erano anni che studiavano, ed erano arrivati a concepire l’essenza vera della materia.
Giorno dopo giorno, neutrini, elettroni, particelle, energia atomica, fusione nucleare e tremila equazioni, teorie, postulati ed esperimenti. Senza tregua, senza pausa, con l’entusiasmo genuino e giovanile per il  puro piacere della scoperta.
Una rivelazione parziale sui segreti della natura. Fino ad arrivare all’essenza della realtà fisica.
Qualcosa in grado di cambiare la faccia del mondo, gli stessi equilibri politici e mondiali. 
Fino a vendere la propria coscienza al genio del male. Fino a sentirsi onnipotenti.
 
Lui, come tutti gli altri, aveva lavorato su numeri e teorie finchè non erano riusciti a convincerlo, erano riusciti a fargli intravedere la gloria, la ricchezza, un cammino favoloso , una vita diversa. Hitler lo avrebbe tenuto al guinzaglio fino alla morte. Aveva bisogno della genialità italiana per mettere a punto le sue armi belliche , il suo progetto sulla fissione nucleare applicabile alla bomba atomica. 
Si era venduto in cambio del suo genio. 
Basta, però, basta.  La sua intelligenza doveva “suicidarsi”, sparire in qualche modo, rendersi un anonimo atomo fra miliardi di atomi. 
 
Anche l’Italia, gli era diventata stretta, un paese angusto per le sue vedute.
Non rimaneva che “sparire” per sempre, offuscandosi  nel mistero stesso della storia.
Per confondere ancor meglio le acque aveva fatto perdere abilmente le sue tracce, alla famiglia, agli amici. A tutti.  Adieu. 
 
Cosa sarebbe accaduto ?  

 

 
omaggio a Ettore Majorana
(foto da wikipedia)
 
 
 
 
 
 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

ritratto di Selly e le bebe rosse

l*

un corto-metr-omaggio davvero interessante. soprattutto sotto il profilo delle svariate ipotesi circa la sua scomparsa. d'altronde lui stesso, prima 'sparire' confermò che la fisica era sulla strada sbagliata...

che avesse trovato un legame fra sentimento e scienza??? 

 

 

ritratto di Lysi

è davvero un mistero

la sua scomparsa. C'è chi dice di averlo individuato in Argentina sotto mentite spoglie. Sto rimettendo a posto il mio pc, e mi son ritrovata racconti che ho lasciato lì sospesi nel tempo e questo su Majorana, la sua storia mi ha sempre incuriosito. Uno scienziato, un fisico, abituato allestrema razionalità. Forse, ha visto il limite fra bene e male ? Chi lo può dire, forse resterà uno dei misteri più strani della storia. Ho sposato la tesi della fuga e non del suicidio, mi piace pensare che sia andata davvero così.

graziesellyyyyy ;-))

ritratto di Jazz Writer

Bella versione

della scomparsa del grande fisico catanese... sarebbe bello davvero che avesse scoperto a livello di particelle atomiche che nell'uomo è insita la cattiveria, o quanto meno l'incapacità ad usare la scienza a fin di bene. bel testo, originale, e mi ha riportato alla grande figura del genio siciliano... poi confesso che di tutte le versioni quelle che meno mi piacciono sono il legame con il regime nazista, ed il suicidio. Ergo tifo per lòa versione argentina...ciaociao...brava, un brano diverso dal solito, è sempre un pregio.

ritratto di Lysi

grazie jazz 

grazie jazz