Fazzoletti (Racconto autobiografico in siciliano)

Fici bonu stamatina che mi ni staiu annannu a travagghiari a pedi inveci che ca machina.
Sta minchia di città giá a matinata è un buddellu, poi finia che pi truvari un parcheggiu mi l'avia a vidiri cu Diu!
Tantu u postu i travagghiu è a deci minuti da me casa. Bonu!
Certu che però c'è troppu cauddu, sta estati pare che non voli finiri mai.
Pacienza! 
Sugnu quasi arrivatu, attravessu i strisci pedonali e vidu a unu che mi talia vicinu u semafuru.
È un venditore ambulante ma non è u solutu marucchinu o rumenu ma pare un' italianu.
'Mbare!' mi urla e si para subitu davanti a mia.
Avia ragiuni che non è un furisteru, si tratta infatti di un catanisi.
'Mbare u vò un pacchi i fazzoletti? Un euru su regalati!'
Mu immaginava che chistu mi rumpia i scatoli, ora mu levu davanti.
'Non ne vogghiu! Non mi sebbunu!' ci dicu infastidito.
'Mbare, ti staiu dannu regalati!' insiste su speci di elementu.
Riprendo a caminari e iddu che faci? Mi staci d' arredi comu un cani i caccia.
Per forza mava a vinniri si fazzoletti maledetti comu a iddu.
'Mbari, comu non ti sebbunu? Un euru su troppu boni!' insiste con invadenza.
Mamma mia, no voli propriu capiri che mava a lassari peddiri.
'Senti, non semu in invennu, nun ci nnè raffredduri e non mi cula u nasu!' ci dicu pi tagghiari u discussu.
Iddu mi talia e mi scaccia l'occhiolino.
'Mbari, raffriduri nun ci nnè comu dici tu ma c è troppu cauddu! Si tuttu sudatu! Ma picchi non ti sciughi?' mi faci nutari.
Minchia! Veru ieni! E ora comu mi sciugu? Tuttu stu suduri me l'ha livari pi fozza, giá u me principali apriu u negoziu e non mi pozzu presentari tuttu sculatu!
Mannaggia a mia che mi scuddai i Tempu supra u tavulu da cucina.
Malidittu cauddu! Ah quantu vali u friddu!
Alla fine vinciu iddu, pigghiu un euro da sacchetta e ciù dugnu a su scattru.
Mi futtiu!!!
 
 
N.d.r. questo racconto è stato scritto in dialetto siciliano. Se lo avessi scritto in italiano, a mio avviso non avrebbe reso in egual modo.
Ho voluto cimentarmi a farlo in quanto sentivo l'esigenza di scrivere un testo "diverso". cercando nel contempo di rendere il tutto più comprensibile possibile ma se avete domande da fare su certi termini o su certe frasi, eventualmente vedrò di rispondere con molto piacere.

Gradimento

ritratto di Adaclaudia

l'ho letto

tutto e pur essendo ossolana d.o.c. penso di averlo capito tutto e l'ho trovato simpatico; credo che l'aver seguito quasi tutti i film di Montalbano mi abbia aiutata, infatti prima non conoscevo il significato del verbo "taliare" mentre ora credo di sapere che significa guardare, vero?

buona scrittura,

ciao ciao

                                                    Claudia

Ciao e grazie :-)

Innanzitutto cara Adaclaudia ti ringrazio che hai letto il mio scritto e scusa se ti rispondo solo ora ma non entro nel sito da un bel pò di tempo.

Ebbene si..."taliare" significa "guardare" :-)

Tutto sommato il siciliano non è difficile o perlomeno non lo è in confronto al sardo.

Quanto hai letto è un racconto autobiografico e scriverlo in italiano a mio avviso non avrebbe reso.

Anche se comunque più avanti lo posterò nuovamente in "versione italiana" in modo che il lettore potrà tracciarne le differenze. 

Sempre se lo desidera ovviamente. :-)

Un caro saluto.

 

ritratto di Eli Arrow

Mi è piaciuto moltissimo

Mi è piaciuto moltissimo l'uso del siciliano, ha dato al racconto un gusto particolare, molto divertente. Spero tu voglia pubblicarne altri nella tua bellissima lingua :)