Quell’ultima onda

ritratto di Aurelio Zucchi

 

 

Con il mare nel cuore torno a casa

e vedo ancora quell’ultima onda

alzar la cresta quasi pretendesse

l’ombra di chi l’aveva vezzeggiata.

 

Sarà, l’azzurro, buona terapia?

Di già son preda del futuro incerto

e dalle ossa del tempo divelgo bonaccia

come conchiglia attecchita allo scoglio.

 

 

*

Data di stesura 07/07/2014

 

  

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

ritratto di renero

La prima strofa è

La prima strofa è illeggibile. Prova a leggerla a voce alta. C'è da lavorarci su un bel po' per renderla armoniosa. Non suona.

Migliore la seconda strofa anche se il linguaggio utilizzato e la disposizione delle parole è obsoleto (parli davvero così? non credo :) )

Boh, io ci ritornerei su per sfrondare l'attacco e rendere più originale ed efficace tutto il testo.

Saluti,
re

ritratto di Aurelio Zucchi

Ringrazio per la lettura e

Ringrazio per la lettura e per il pensiero espresso.

Ricambio i saluti.

Aurelio Zucchi