SUONO DELLA SOLITUDINE.

ritratto di Mauro_Farina

Ed anche durante
questo giorno
a noi stessi
siamo stati abbandonati,
ma mai cambierò:
non è questo
il mio mondo.
Troppi rumori
la mia e le nostre
vite circondano,
abbandonandoci a udire
questo suono della solitudine,
tra tutte queste genti
che il male nostro
stentano a comprendere.
Da qui vorrei fuggire
per poter udire ancora
un’ultima volta
i dolci suoni
di una natura
che per anni
gli uomini tutti
ha circondato.
E queste voci
che attorno a me
ancora se ne stanno
poche speranze
mai permettono
e mai un’utilità
vera avranno.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento