In riva al mio sentire...

ritratto di Falco Matilde

In riva al mio sentire…
Il mio cuore vive emozioni contrastanti che mi colpiscono all’improvviso e mi colgono di sorpresa. 
Sto ascoltando una canzone che parla di un amore impossibile e irrealizzabile e affiorano in me lontani ricordi.
Chiudo gli occhi e mi lascio trasportare in riva al mio sentire, dove si nascondono i sentimenti più profondi ma vulnerabili, dove la ragione e la razionalità sono state bandite da sempre.
Com’è fantastico il mondo dei sogni! 
Mi trovo a riflettere su quanto sia difficile da gestire, questo cuore, impossibile da guidare, come non sopporti di essere imbrigliato da schemi rigidi e severi e quanto sia imprevedibile nel vivere le proprie emozioni.
Come un eterno bambino corre, salta, balla, s’inebria d’amore per poi cadere, sconsolato e impotente, di fronte al dolore e alla sofferenza.
“Che ti serva da lezione”, lo rimbrotta ogni volta puntualmente la Ragione con sdegno e schietta determinazione.
Il mio cuore non ascolta, come un cavaliere pieno d’illusioni, si sente giovane e forte come un leone e trova sempre il coraggio per lottare, la forza di andare avanti e di ricominciare perché conserva in se la speranza e la voglia di amare.
Matilde Falco - 12-04-2017

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (1 voto)