i nuovi analfabeti creativi - Roberto Cotroneo

ritratto di Viola B.

 

 

 

 

Potremmo chiamarlo tempo narcisistico del nuovo sottoproletariato culturale. È una modalità della giornata che ha a che fare con il modo in cui poniamo noi stessi davanti agli altri. I social dicono chi siamo perché noi diciamo ai social quello che riteniamo fondante, importante, perché il mondo esterno possa capirci. Viviamo in un sistema dove conta pubblicare, rendere pubblico, ma senza alcuna percezione e capacità di capire quello che si sta facendo. Perché dopo anni di annichilimento se non disprezzo della cultura umanistica e classica è stato dato in mano a una massa vera e propria, a un quarto stato moderno, uno strumento che ha bisogno disperatamente di una serie di nozioni e di conoscenze culturali si ritenevano inutili e da dimenticare.

Dopo aver raccontato per anni che la passione per l’arte era un passatempo per ragazze di buona famiglia dall’animo delicato, la poesia una merce per sfaccendati con il pallino di vedere grazia e bellezza nelle parole e nei sentimenti, la letteratura una fissazione di gente pronta a non vivere nella realtà, la filosofia una disciplina per gente che non solo non aveva i piedi per terra, ma non sapeva neppure cosa mai fosse il terreno dove poggiarli. E gli architetti dei matti che pensano edifici poco concreti, e gli attori, i registi, i teatranti, dei guitti e saltimbanchi che passano le notti in bianco e si svegliano tardi la mattina.

Dopo aver mostrato il mondo come un’opportunità solo per i mestieri concreti, quelli che contano davvero, accrescono il pil e rendono solido un paese, sono arrivati un po’ di giovani scapestrati, a cominciare da Mark Zuckerberg per continuare con Steve Jobs e via dicendo: tutta gente che di concreto nella vita non aveva mai immaginato nulla. E hanno consegnato un kit in ogni casa dove esisteva un computer, un collegamento di rete, uno smarphone, dicendo: entrate nei social, fotografatevi, raccontatevi, inventatevi qualcosa.

Solo che per farsi un selfie serve conoscere qualcosa di storia dell’arte e iconologia, per scrivere sui social sarebbe meglio non ignorare Saussure, come d’altronde sarebbe necessario sapere qualcosa di ermeneutica se postate un commento che vi piace e non sapete esattamente il perché. Ed è utile avere coscienza che non si può prescindere da Shakespeare o Dostoevskij quando cominciate a raccontare le vostre passioni, che siano nitide o che siano fosche, e che se volete essere seduttivi e interessanti, e farlo in una maniera equilibrata, non dovete dimenticare che Caravaggio non va preso troppo alla lettera, per non dire del manierismo.

E non c’è da storcere la bocca davanti alla retorica antica: non è soltanto una perdita di tempo che vi intralcia la partita a golf, il bridge al circolo o una cena in un ristorante stellato con gli amici. Perché se non si sa nulla di retorica tornando dalla cena e confortati da una buona bottiglia di Amarone si postano sdolcinature esagerate e incontrollate.

Questo grande mondo dove tutto è pubblicabile prima ancora di essere pubblico, è diventato un campo di segale, direbbe Salinger, che termina con un burrone,  e il rischio di precipitare è assai alto. Dove ogni selfie, ogni postura, ogni sguardo rivela molte cose, come rivelano molte cose i post isterici sulla politica o sulla cronaca, le poesie citate e attribuite erroneamente a poeti che mai le avrebbero scritte, le narrazioni del mondo di cui si potrebbe fare a meno. Ogni azione sul web e sui social è un sistema culturale da riconoscere, ma che in troppi ormai ignorano.

Questo nuovo mondo ha generato passo dopo passo, post dopo post, un nuovo sottoproletariato culturale fondato sulla precarietà narcisistica e sul disorientamento. L’imbarazzo è nel capire che l’analfabetismo non è soltanto quello di sbagliare un congiuntivo, è anche quello di non saper declinare i tempi e i verbi della nostra cultura e della nostra storia.

© Corriere della Sera – Tutti i diritti riservati

https://robertocotroneo.me/2017/01/27/creativi-2/

 

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (1 voto)

ritratto di effetticollaterali

Direi che l'essenziale comincia da qui:

"Questo grande mondo..." diventa un campo di segale già pronto per quei supermercati dove la natura trasformata, impacchettata bio, viene venduta per "natura"... Una similitudine del nostro mondo culturale trasbordato nell'altra vita che è il virtuale: un decoupage del qui e de lì, con scampoli di bric-à-brac di pensieri, quando hanno la fortuna di essere venduti in stock con o senza incanto, che il disincanto fa la voce del padrone... Siamo i nuovi barbari affacciati su un burrone che non frana mai, tra noi e gli attentatori c'è solo una lieve differenza di estetica morale. Noi sembriamo produrre cultura mentre quelli ammazzano, noi tutti social facciamo saltare in aria questo mondo prosaico sottoprodotto di quell'altro: il vecchio caro mondo borghese andato in pezzi durante l'ultima rivoluzione postindustriale... I figli dei borghesi sono questi terroristi culturali che offrono alle masse strumenti semplici semplici per fare cose molto complesse. Ovvero realizzare per mano di questo branco di sconosciuti con facebook, l'ultimo assalto al bel tempo che fu... In fondo i figli del benessere cresciuti negli scantinati delle aziende di famiglia [di tutta la terra in formato aziendale] sono i veri terroristi del millennio; fabbricano bufale culturali per sabotare un'intera tradizione culturale, l'intera filiera dal passato al presente tranne qualche scarto di passato purché decorativo! Sarebbe da pazzi mettere nelle mani delle masse, che hanno sempre disprezzato la cultura, aggeggi culturali. Eppure lo hanno fatto a suon di slogan! Il delitto informatico senza memoria è servito! Ogni buon figlio deve uccidere il padre se vuol diventare se stesso o qualcuno e/o qualcosa, che oggi è la stessa cosa... Noi siamo i nuovi barbari con barbe disegnate dai barbieri stilisti, noi siamo i nuovi terroristi!

Sai che ti dico saggia ed informata Viola? Leggendo i nuovi saggisti mi viene sempre più il dubbio se questi, che espongono invidiabili bibliografie, note ai testi e/o ai tasti, abbiano veramente letto assimilato le fonti o sia tutta una sofisticata depredazione...

ritratto di Viola B.

Ho imparato di te che quando

Ho imparato di te che quando scrivi tanto, sei più ingolfato e triste. Quindi, preventivamente ti invio tanto affetto, e poi ti rispondo in un modo solo: siamo umani, e questo non cambierà, qualunque sia il supporto usato. L'ignoranza crassa esisteva anche prima, solo non era registrata. Siamo umani e qualunquisti, io e te compresi. E in fondo, chi se ne fotte.
Un bacio tenero :*

ritratto di effetticollaterali

io e te compresi.

Che è già un modo della condivisione, del salto degli steccati, dell'abbattimento di troni e tronisti... Ci si prova dentro questo analfabetismo che siamo costretti a mostrare come i gradi di una divisa, dentro la delirante e ignorante guerra di identità che è la rete nella sua visione di insieme oggi. Come te non credo all'età dell'oro e/o alla terra promessa. È qui che dobbiamo giocarci e scambiarci oscurità e illuminazioni. Ricambio con un bacio al vento freddo, ciao V.