LADRI DEL TEMPO

ritratto di michael-santhers
Cani bipedi mi hanno rubato il tempo
mentre sognavo un cimitero
pieno di giornali e televisori
impuniti ladri dell'anima
 
Sul muro c'è ancora l'impronta
dell'orologio da polso
ubriaco di sudore
appeso al chiodo
e poi a ruotare il senno di poi
 
I boschi m'aspettano
per ricucire le trame dei sogni
ma gufi e civette spronano
collaudate difese
a scudo d'ombre sinistre
 
Quante dentiere imbalsamate sul riso
sul sordo spreco del cuore
dorso di specchio
inviso all'appoggio
ignorato dagli occhi riflessi
su trespoli vitrei
----------------------------------
Da.Sorrisi Pignorati
www.santhers.com

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento