SCENE DI FAMIGLIA TRA LE MURA DOMESTICHE

.

“Ho fatto il test … e son di nuovo incinta,

adesso cosa dico a mio marito?”

pensò la donna, trèmula e convinta

di come lui avrebbe reagito !

 

            “Perché, purtroppo, lo stipendio è quello …

            e stiamo sempre a corto di quattrini …

            avere un figlio … è un evento bello …,

            però ci sono già … tre fratellini !

 

Comunque si può sempre intervenire,

la legge mi permette tutto questo

nei limiti concessi ad abortire,

per un motivo lècito ed onesto.

 

            Se stiamo dentro ai tempi stabiliti ...,

            … dobbiamo prender noi la decisione

            vagliando i piani già ben definiti

            per non trovarsi in grave situazione !

 

… Appena arriva a casa glielo chiedo …

… ma torna stanco e pieno di pensieri,

ci penso un po’ e, dopo cena vedo …,

non voglio dargli ancora dispiaceri !”.

 

            … La sera venne l’uomo, fece cena,

            accese la TV e si distese

            coi figli sul divano, questa scena

            bloccò la confessione, e, lei attese

 

che fossero da soli, dentro il letto

e disse: “Marco, ascolta, ci risiamo !

Il test è positivo, ti premetto

che faccio ciò che vuoi, perché ti amo !

 

            In termini di legge siamo a posto,

            perciò abbiamo già la soluzione,

            decidi tu, ti ho sempre corrisposto

            ad ogni seppur minima intenzione.

 

Perciò io faccio tutto quel che vuoi,

perché tre figli sono già abbastanza,

conosco a fondo i sacrifici tuoi,

però se accetti questa gravidanza

 

            tra qualche mese cercherò un impiego

            ad ore, per far fronte ad ogni spesa !”.

            Lui la guardò, non fece alcun diniego,

            la strinse a sé con immutata intesa

 

fissandola negli occhi con affetto

e disse: “… Che ci fai col mio consiglio?

Ogniqualvolta cambi il mio progetto … !

… Lo so … che tu vuoi pure il quarto figlio !!!”.

.

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento