Sera d’aprile

ritratto di Aurelio Zucchi

 

 

La mia sera d’aprile indulgente

ha destato un prezioso ricordo.

Mi terrà compagnia nell’attesa

di girare la chiave di un sogno.

E poi val bene il dormire, avvolto

nel canto della notte galeotta

non prima d’ aver visto una stella.

 

*

21 Aprile 2015

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento