IO NON MORIRO’

ritratto di Aurelio Zucchi

 

 

Quand’anche il cuor fosse distratto,

io non morirò al pari di un merluzzo

predestinato ad esser baccalà.

 

Sì,

a dispetto dei tempi,

sarò più vivo che mai

in tutto ciò che non si spegne,

in un riflesso d’onda

che il sole tocca

perché gli va di far così all’istante,

o in tutti i miei segreti poi svelati

a chi dovevo poi svelare.

 

Se questo é l’esser mio eterno,

inviterò i sultani delle felicità perenni,

le mie regine camuffate in donne,

i miei paggetti camuffati in figli

e il grande stuolo di chi ho solo amato.

 

*

2008

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento