IL PERICOLO PUBBLICO NUMERO UNO

.

Era uscito dal portone …

… è rientrato in gran segreto

scavalcando la finestra,

è un soggetto assai irrequieto !

 

Non si vuole rassegnare

alla drastica sentenza

che il quattro di dicembre

l’ha bocciato con urgenza !

 

Ha la faccia ch’è di bronzo,

come i bronzi di Riace,

non capisce ch’è ingombrante,

… che si metta il cuore in pace !

 

Non lo vuole più nessuno,

è soltanto un arrogante,

ma lui parla, parla, parla,

è davvero provocante !

 

Non capisce che la gente

non lo vuole più vedere,

forse aspetta che qualcuno

gli dà un calcio nel sedere?

 

S’è dimesso? Punto e basta !

Ed invece è ritornato

per stordire con promesse

questo popolo stremato !

 

Se ne torni su a Firenze

senza rompere i “marroni”,

siamo stanchi d’ascoltare

i suoi futili “bidoni” !

 

Ha diviso già il partito

con il suo comportamento !

Vuole ancora fare danni?

E’ davvero un gran tormento !

 

Quand’è andato ad Amatrice

ha promesso mari e monti,

ma quei poveri scampati

hanno visto i suoi raffronti:

 

C’è chi dorme nelle tende

e chi sogna una casetta,

che sia legno o in muratura,

… che promessa maledetta …!

 

E’ tornato sopra il palco

del Lingotto ed ha sbraitato

contro i vari scissionisti,

come un cane bastonato !

 

Ma lui parla sempre e ovunque

col microfono alla bocca,

usa un lessico forbito …,

sembra un disco, non si blocca !

 

Ma qualcuno glielo dica

che la gente non lo vuole !

A novembre sopra il palco

pronunciò queste parole:

 

“Se non vinco, ve lo giuro,

firmerò le dimissioni !”

Però il popolo stavolta

s’è scocciato i “zibaldoni !”

 

Ha giurato che lasciava

la politica italiana

ed invece è ritornato

con la boria ciarlatana !

 

Ma la gente gli ripete:

“Devi andare a lavorare !

Ci stai sempre in mezzo ai piedi,

ci vuoi proprio rovinare?

 

Noi vogliamo gente nuova

che promette e che mantiene,

tu sei solo un chiacchierone …

e ci arrechi troppe pene !

 

Hai creato la scissione …

col tuo modo di parlare !

Vuoi distruggere l’Italia …?

E’ un consiglio: … Lascia stare !!!”

.

N.B.: In democrazia c’è libertà di pensiero, questo è il mio,

ma nutro il massimo rispetto per le idee diverse degli altri.

.

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento