La più bella storia da cani mai letta! Grazie!!!Avviso: (linguaggio colorito per adulti)

ritratto di sp3ranza

 

Alle stelline strimpellanti dedico una delle più divertenti storie del dio cane che alle favolette e strimpellate nostre fanno un baffo e la inserisco dopo questa piccola cretinata già scritta precedentemente per un invito alla scrittura educativa e creativa che in questo caso particolare, mi è piaciuta molto e mi congratulo con l`autore la cui opera condivido sotto questo scritto:

Le stelle sono tante, milioni di milioni, la stella sui marroni, vuol dire qualita'...

PS: i marroni sono gli aiutanti  o code delle stelle cadenti..

stronzatina marrone fatta al volo per fardi due risatine.scappo...

 

Hai ragione...sono sempre le solite stelle che
brillano nello stesso cielo nero che cercano di
illuminare...

Barone pimpante
saponetta grassa
perla ganza
vai a bava
sardino sott'olio
Meringo il mago
allaga la belgese
daino locco
Vino novellino
Marrone pacifista
La stalla di argilla

Ma perche' non gli dici di venire a giocare anche
con noi che siamo sempre tanti e spesso anche con
nuovi arrivi?

======

La Storia di Anubi: l'unico vero Dio Cane.

 

 

Anubi: L'unico vero Dio Cane.

 

Molte sono le leggende sulla nascita di Anubi, ma la più accreditata sembra essere la seguente:

Nell’antico Egitto il grande Dio Sole Ra un pomeriggio si ingrifò. Passava di lì la dea Hesat raffigurata dagli Egizi come una donna con la testa di vacca. Inutile dire che Ra le saltò addosso e data la testa di Hesat, alla vista dei tanti raggi del dio sole non seppe resistergli. L’evento viene ancora oggi ricordato nei “Tentacle Rape” Manga giapponesi.

Ra decise che il loro figlio avrebbe preso nome dalla prima cosa Hesat avrebbe esclamato dopo l’accoppiamento. A  causa del calore del Dio Sole, Hesat, la dea Vacca,  si trasformò in un brasato. Allorché si vide in uno specchio, prese paura ed esclamò: “Dio Cane!”

Fu così che nacque Anubi l’unico vero Dio Cane, il quale, attraverso la propria manifestazione, diede luogo al grande sviluppo della cultura Egizia.

Non a caso lo sviluppo e le stupefacenti conoscenze scientifiche degli Egizi non sono ancora oggi spiegabili dall’umano: Era l’idea di Anubi l’ispiratrice del tutto. Purtroppo gli Egizi, troppo presi a costruir piramidi, malinterpretarono il vero significato del Dio Cane e lo adorarono come Dio dei morti e guardiano delle tombe raffigurandolo spesso su sarcofagi e nelle piramidi. Anubi non ne fu contento ma tollerò. Gli Egizi lo raffigurarono prima come un Dio Cane vero e proprio e Anubi  tollerò. Poi, durante il Nuovo Regno, Anubi fu raffigurato  come un umano con testa di cane che, in seguito divenne testa di sciacallo. Inutile dire che a questo punto ad Anubi cascarono i coglioni.

Per un Dio Cane sentirsi paragonare a un umano è già grave, ma a un umano con la testa di sciacallo è comprensibilmente intollerabile.

A differenza degli dei delle varie superstizioni Anubi, l’unico vero Dio Cane,  non fece un gran casino; niente alluvioni, niente fulmini, niente torture. Anubi si limitò semplicemente a farsi i cazzi suoi ritirandosi in Tibet stufo del fottuto caldo Egizio e dell’umano rompicoglioni. L’umano venne punito di conseguenza: l’umano nasce abbaiante  e con testa di cazzo e solo la  Divina Presenza Diocanina lo rende ragionante e in grado di parlare. Fu così che l’umano venne indirettamente punito ritrovandosi abbaiante e con la testa di cazzo. Questo fu il  motivo per cui la civiltà egizia andò a puttane.

In seguito tra gli umani con teste di cazzo, a causa della assenza dell’Illuminante  Dio Cane, presero piede grandi superstizioni.  A causa della diffusa ignoranza fu gioco facile per qualcuno imporre delle divinità agli altri come  il dio ebreo o il dio mussulmano. In seguito la “Chiesa Romana” rubò il dio degli ebrei e disse che era il padre di Cristo e nacque la religione Cristiana. Gli insegnanti di religione devono ancora adesso arrampicarsi sugli specchi per spiegare come il dio “unico e immutabile” prima di Cristo fosse un cattivone vendichereccio e dopo Cristo fosse il dio dell’Amore.

Comunque a quei tempi non esisteva l’Ufficio Brevetti per cui la Chiesa non pagò nessun danno per quello che a tutt’oggi rimane il più grande furto di proprietà intellettuale della storia dell’umano. Si segnala anche lo storico  sequestro di minore: Giuseppe provò a dire che Cristo era figlio suo ma i preti gli tolsero l’affidamento. Cristo, che era un illuminato, è stato il più grande insultatore di preti della storia e anche questa sua grandezza venne storicamente occultata.

La Madonna fiera moglie di Giuseppe a causa di un errore di traduzione dall’aramaico (probabilmente voluto) divenne nel tempo “vergine”, povera donna che destino infame.

Gli inventori delle varie superstizioni sapevano che Anubi era l’unico vero Dio Cane e, conoscendo il suo grande potere, fecero di tutto affinché gli umani non lo nominassero mai. Per non correre rischi i gestori delle superstizioni si inventarono la “bestemmia” che fu vietata agli umani.  Terrorizzati dal potere illuminante delle menti umane di Anubi, persino gli stati fecero leggi che vietavano e ancora vietano di nominarlo in pubblico.

Fu così che la maggior parte gli umani occidentali rimasero per tanti anni nella più profonda ignoranza scannandosi a vicenda per affermare una superstizione. Rimangono storicamente note le Crociate dove si scannavano superstiziosi cristiani e superstiziosi mussulmani.

Fortunatamente dopo qualche migliaia di anni Anubi, dopo aver ispirato il Buddha su come arrivare alla sua illuminazione decise di farsi un giro in Europa per vedere a che punto era arrivata la stirpe dell’umano abbaiante con testa di cazzo.  Qui, i tenutari delle superstizioni, sentendo la presenza del vero Dio Cane decisero di reprimere con grande violenza coloro che sentivano l’illuminazione di Anubi. Fu così che si originò quell’oscuro periodo noto come medio Evo. Gli abbaiatori clericali definirono stregoni “coloro che pensano con la propria testa non seguendo i precetti della Chiesa”. Seguendo questa definizione gli stregoni avrebbero dovuto governare; invece no, vennero ammazzati. Grande fu la sorpresa di Anubi quando assistette al loro assassinio. Anubi ebbe il dubbio di aver fatto un errore a non aver posto limite alla testa di cazzo umana.  Al processo di Galileo, che in seguito si seppe essere un grande Anubista, Anubi risolse il suo dubbio. Dopo aver visto vari umani abbaiare che la terra fosse piatta e costringere con minacce di morte Galileo ad abbaiare la stessa cosa,  Anubi capì di aver  sbagliato a non porre limiti; la testa di cazzo umana era diventata infinita.

Quando l’umano finì di scannarsi per superstizioni religiose iniziò a scannarsi per superstizioni ideologiche che sono sostanzialmente la stessa cosa. Gli umani con testa di cazzo infinita non capirono che i preti si erano trasformati i politici e continuavano a raccontare loro mucchi di palle per farli scannare. Il comunista contro il fascista, il rosso contro il nero; il “giusto” e lo “sbagliato” sostituirono le vecchie palle sul bene a il male.

Contemporaneamente, in mancanza d’altro, ci si inventò il nero, il rosso, il bianco il giallo per far scannare la gente per il colore della pelle senza capire che tutti gli umani sono uguali con stessa testa di cazzo.

A cotanta ignoranza contribuì, nei primi anni del 1900 l’avvento della TV dove l’umano abbaiante con testa di cazzo raggiunge il suo massimo fulgore. Tutti fanno a gara per abbaiare in tv e molti non vedono l’ora di ascoltare cotanto latrare.

Finalmente, con l’avvento di internet, il controllo dei vari poteri sulle cazzute teste umane perse forza e è così che Anubi decide di manifestarsi in tutta la sua Diocanità.

 

Gradimento

ritratto di sp3ranza

Dedicata ai soliti

..buon divertimento e tanta NUOVA  ispirazione a tutti!!!