FRETTOLOSE SOLITUDINI

ritratto di michael-santhers
La gente in fretta si saluta
per raggiungere una distanza
alibi di lontananza
a messaggiarsi su facebook
 
Oggi tutti corrono
per portare lontano
la propria ignoranza
oppure per spronare
statici pensieri al circostante
ma gli occhi fissi sul nulla
li fiaccano a digiuno
 
Tutti hanno uno scettro
credono di regnare sul mondo
ma al massimo comandano se stessi
quando l'inconscio frusta la figura
 
Non importa se nel meglio
o nel peggio si giunge alla ribalta
pur d'elevarsi dall'anonimato
deserto interiore
futilità la sabbia
miraggi danaro
 
A tavola scorrono i morti sullo schermo
tra forchette e dita sul display
nel silenzio zeppo di rumorose solitudini
e paiono attori che recitano se stessi
in un copione scritto dal destino
e leggerlo implica assorbirlo
nell'anima ormai loculo d'indifferenza
 
A Natale il sogno di rinascere in nuova recita
stanchi gli onesti nel ruolo di Gesù
scelgono Ponzio Pilato
----------------------------------------------------
Da:Normalità Incondivisibili Tra Maschere Clonate
www.sanhters.com

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (1 voto)

ritratto di Diotima

dal domani ci si aspetta

dal domani ci si aspetta ormai solo un ieri. questo lo rafforza il tuo 'pennello'.

ciao