Teatro del Sisma: I Quaranta Giorni della Madonna

ritratto di monidol

A seguito della tragedia avvenuta in centro Italia il 24 agosto 2016, a Bergamo e provincia è in atto un’azione artistica solidale denominata il Teatro del Sisma.
Il Teatro del Sima è un progetto di un collettivo, formato per l’occasione, da un foltissimo numero di compagnie, gruppi, associazioni, singoli artisti, dilettanti e professionisti, che offrono gratuitamente il proprio contributo per mettere in scena una serie di spettacoli al fine di raccogliere proventi da devolvere alle popolazioni vittime del terremoto.
 
Questo è il contesto in cui un’estrapolazione di uno dei miei racconti, i Quaranta giorni della Madonna, pubblicato tempo fa su Neteditor,
è stato utilizzato in un paio di questi spettacoli.
 
Condivido queste due registrazioni, in primis perché l’iniziativa e la bravura dell’attrice lo meritano, ma anche perché trovo interessante (come per la Betta) per noi utenti di Net, vedere, o sentire, come le parole di noi appassionati scribacchini possano prendere forma , trasformarsi, vivere altre vite, quando hanno la possibilità di essere recitate, cantate, dipinte, ballate…
In questo caso la prima parte è stata recitata all’inizio dello spettacolo, a sipario chiuso, da una voce fuori campo, mentre la seconda sempre fuori campo, alla fine dello spettacolo, a sipario aperto e… vuoto.
 
 
 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

ritratto di shapiro49

non a tutti capita di

non a tutti capita di soffermarsi su questi importanti -aspetti- Vitae

troppo spesso, si glissa su questi fatti che sono il sale del vivere quotidiano, ove la Donna viene lasciata sola, pe non dire allo sbando, poco Sociale tanti doveri e

mi fermo qui altrimenti sguaino la katana (verbale)

brava e grazie, Moni............

ciao

ritratto di monidol

Però questa parla del terremoto

soprattutto nelal seconda parte, anche se in effetti il fulcro è la maternità. ;-)

Ciao Samurai

moni