Agenda politica di un disinformato

ritratto di voceperduta

 

 

 

h. 8:00 Sfogliare l'edizione digitale dei principali quotidiani italiani, accettando di buona lena gli strafalcioni grammaticali prima di espellerli in bagno.

 

h. 9:00 Sintonizzarsi su Fiorello che fa il verso alla Raggi, e schiamazza sopra i titoli dei giornali in elogio alle istituzioni moderne.

 

h. 10:00 BrexFast. Ha vinto il Leave. Però escono tra due anni. Ma il Parlamento può infischiarsene e decidere da sé. Intanto la Sterlina scende. Tengo in pugno l'Euro conservato in una ciotola di contanti, e mi ricordo di quanto sono fortunato.

 

h.12:00 Edizione di un TG Nazionale. Solo Renzi, che pensi? Berlusconi; Boldrini, Schifani, Grillo, Padoan; Giannini, Meloni, Alfano; Salvini, Pizzarotti, Aiello. All. Angela Merkel.

 

h. 13:00 Troppo stanco per assistere a un altro TG.

 

h. 15:00 Approfondisco il tema Disoccupazione; il tasso è sceso, ma allo stesso tempo è aumentato il numero di giovani che non trovano lavoro. Il tasso di crescita delle aziende al Sud è aumentato, ma oggi ha chiuso un'altra attività in quanto oberata dai pagamenti. Chiamo il mio amico e gli ricordo che il lavoro l'abbiamo, basta trovarlo sotto questo cazzo di tasso.

 

h.17:00 Trump Vs Hilary: la Clinton si è arresa al round dei Grandi Elettori, nonostante un evidente mismatch accumulato dai sondaggi. Il presidente eletto, da buon patriota, ha dichiarato che “se il voto può cambiare, tutta l'America può cambiare, e l'intero mondo può cambiare (tranne i clandestini, ma lì ho davanti un muro, mi dispiace)”.

 

h.18:00 Happy Hour. L'edizione locale mi ricorda che la giunta regionale ha approvato un piano per i ragazzi senza lavoro, comprensivo di tirocini a formazione gratuita, uno stipendo di 500 euro lordi, e una strada a loro intitolata in virtù della pazienza dimostrata. Sono talmente divertito che io e gli altri precari festeggeremo con tende e striscioni di fronte a un battaglione di municipali.

 

h. 20:00 Referendum del 4/12. Il fronte del sì, quello del no. Praticamente siamo in guerra. Sui social imperversa il motto d'ordine, “se non voti NO stai con Renzi”. Quelli che erano amici, diventano nemici. Quelli che erano nemici restano nemici. Estenuanti comunicati di gente che fino al giorno prima promuoveva immagini di scarpe e culatelli avanzati. La riforma si farà. Vaffanculo te e Renzi. Ma con umiltà.

 

h. 22:00 Mi rilasso con un documentario sulla trattativa Stato-Mafia. L'argomento è sin troppo spinoso per vederlo a quest'ora. “In Sicilia la mafia colpisce i servitori dello Stato che lo Stato non è riuscito a proteggere”. Mi rendo conto che i cardini sono saltati via facilmente. Un po' come le auto spazzate via quando i difensori volevano fino in fondo proteggerla.

 

h. 23:59 Chiudo gli occhi, aspettando la quiete dopo la tempesta di partiti che rappresentano la nostra divisione nazionale. Pare che vi sia un comizio al piano di sotto. Così scendo a domandare spiegazioni, desideroso di mandare a quel paese i due schieramenti. Ma le ragazze si dimostrano compiacenti e disposte a contrattare. Il lato Bondage della politica.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

un'agenda

un'agenda fitta, molto gustosa... Ma lo stesso il medico suggerisce una disonticcazione media-free, a vantaggio coronarico.

mi sono divertita Francesco, ciao!

ritratto di voceperduta

Disintossicazione

Disintossicazione già effettuata; per rimanere in tema di tassi, mi hanno trovato quello della bilirubina parecchio alto. Dicono che è l'effetto dell'esposizione ai dibattiti elettorali...ciao, a presto, Francesco.

La tua ironia intelligente

La tua ironia intelligente non mi delude mai. Stile e sorriso a denti stretti.

 Un caro saluto.  

L.

ritratto di voceperduta

Un saluto a te

Grazie per il sentito apprezzamento. Un caro saluto, a presto, Francesco.

ritratto di Stef5090

Divertente...

aggiungerei un'agenda da italiano medio. A livello di descrizione mi ha richiamato lo stile Paolo Villaggio in un mix tra il tragico e l'ironico.

ritratto di voceperduta

Ciao Stef

Ciao, in effetti può ricordare la burrascosa campagna d'informazione a cui si sottopose il ragionier Fantozzi...un saluto, a rileggerci, Francesco.