Foglie

ritratto di monidol

 

 

 

 
Le ho sentite cadere,
l'aria era ferma,
le ho sentite
staccarsi, ad una ad una
carambolare silenziose
fra i rami e poi,
delicatamente,
abbandonarsi a terra,
una sull'altra.
 
 
 
 
 
 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (4 voti)

ritratto di Aurelio Zucchi

quel "le ho sentite cadere"

quel "le ho sentite cadere" denota una sensibilità poetica non comune. Piaciuta moltissimo.

 

ritratto di monidol

Molte grazie, questo

mio "le ho sentite", mi piacerebbe suonasse più come un invito all'ascolto più che come l'espressione di un sentire personale, ma credo che, uno non escluda l'altro e che empaticamente, se ti è piaciuta, sia arrivato.

Buona Giornata

moni

ritratto di amitoiD

perdute nei loro estenuanti

perdute nei loro estenuanti languori, diventano porte segrete per creature preraffaellite.

ritratto di monidol

Oh sì...

ritratto di Claudio Di Trapani

Monidol,

Hai avuto il merito di percepire la leggerezza (e la bellezza) di quelle foglie nel cadere una sull'altra (e forse anche l'una per l'altra).

Una delicata lirica che ho apprezzato oltremodo.

Un saluto

Claudio

ritratto di monidol

Forse anche l'una per l'altra

sì è così o forse anche per noi, un richiamo gentile alla ruota che è la vita... quello ho sentito e quello mi sa, hai percepito. Grazie Claudio della tua bella empatia.
moni

ritratto di Alex1951

Foglie

Davvero bella.
Complimenti
Alessandro

ritratto di monidol

Grazie della lettura

E dell'apprezzamento.
Buona Giornata Alessandro.
monica

ritratto di effetticollaterali

La grammatica delle foglie

sta appesa nelle stanze dei poeti in erba. E poi? Poi si aspetta il gesto adulto... Manca qualcosa a questa poesia di foglie, per sentirla di-staccata da sei miliardi di foglie, manca un orecchio personale, in lotta con la lingua +++ occhio ed odio per l'anonimia mortale 

ritratto di monidol

Non volevo scrivere

un testo in cui le mie foglie spiccassero sul resto delle foglie del mondo, bensi il contrario... una specie di invito a guardare con occhi semplici da bambino ciò che da adulti diamo per scontato senza coglierne la delicatezza. Forse non ci sono riuscita, o forse è uno sguardo che a te non interessa. Non ho capito bene le ultime due righe, per me parli un pò difficile.
Grazie della lettura e del commento.

ritratto di effetticollaterali

Proprio quello che

Proprio quello che ho scritto!

La poesia manca di personalità, ti sei accontentata del già visto e scritto, manca di lavoro sulla lingua; un bambino avrebbe dimostrato più fantasia! Per il resto non farci caso è una mia ossessione, le foglie cadenti mi sono un simbolo di morte

ritratto di monidol

Sì in effetti (non collaterali :-)

il mio intento è stato proprio quello di descrivere il gesto del cadere più ripulito possibile da poeticherie o fantasie nel tentativo (deduco non riuscito) di esaltarne la purezza e la bellezza.

E vabbé ci riproverò.

Penso che il cadere delle foglie sia un po' per tutti un simbolo di morte.

Alla prossima.

 

ritratto di maria elisa

Tu le hai

sentite cadere! Una sensazione che regala la poetica che è in noi:

Bella