Io e te

Soli a vagar

nel pozzo più profondo;

la miseria di una vita sciupata;

irresponsabile condotta

di esistenza annullata.

Esseri inutili

giocano con illusioni futili.

Io e te:

 a cercar la notte

che avvolge le nostre colpe.

Io e te:

stiamo per esaurire

tutte le più edificanti risorse.

E la nostra giovinezza,

sfiorita nel giardino delle idee,

lamenta in silenzio

errori consapevoli e voluti,

cercando conforto

in un soliloquio

con la morte.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento