A UN DEPORTATO

ritratto di Mauro_Farina

Dolce è il dolore
che porti negli occhi,
da troppe sofferenze
ingiustamente causato:
come tanti altri
la tua vita
più non puoi vivere
e le tue gioie
più non puoi gustare,
senza avere un perché
di questa prigionia.
Notte e giorno
combatti per un pasto
di cui nessuno
è mai sicuro,
se non gl’aguzzini
che tardano ad arrivare…
Ed in questa
desolata ghiacciaia
troppe vita sono
come la tua:
oppresse da un male
di cui nessuno
ha il coraggio,
la giusta forza,
un’abbondante
determinazione per curarlo…

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

Toccante

Toccante ma soprattutto che fa riflettere ed emozionare.
Complimenti Mauro.

ritratto di Mauro_Farina

Grazie mille!!!

Grazie mille!!!