Cos'è il bello

ritratto di Nino Lacagnina

 

Tutto ciò che piace, che suscita emozioni la sua vista, che rallegra il cuore e lo spirito, che rende felice un essere a sua insaputa come al cospetto di una campagna ridente, un lago dorato al tramonto, il sorgere del sole tra la bruma mattutina, la vista di una gatta premurosa verso i suoi cuccioli, una chioccia attorniata dai suoi gialli pulcini, un cervo superbo del suo potente palco di corna tra le verdi fronde di un bosco, vigorosi delfini impegnati tra spumeggianti flutti in spettacolari salti fuor d’acqua, un giglio …

“Rosso porpora” , come quello che

Da tre giorni

fa bella mostra di sè

nel mio giardino.

La sua bellezza è sbalorditiva,

affascinante.

Quattro sono i calici vellutati

su un robusto stelo

tutti spalancati al sole

con al centro di ciascuno di essi

gialli pistilli che si ergono generosi

per dire alle laboriose api

prendete e spandete questo polline d’oro

e che tutte le creature

possano sempre godere

dei doni e le bellezze del creato.

 

Tra le bellezze della vita, sovrana per eccellenza , la donna per l’uomo, cantata in tutte le epoche da artisti e poeti, con le sue fattezze morbidi, le chiome fluenti, il seno candido e armonioso, i fianchi generosi che sorreggono un ampio e capace ventre, simile all’ebano al tatto, idoneo a contenere l’assalto del più focoso amante che, rapito dal fascino che emana l’amata, esclama: Strega, strega d’amore!

Alla sua comparsa Dante, quando accoglie Beatrice alla fine del suo viaggio attraverso l’inferno e il purgatorio, la trasfigura attorniandola di luce celestiale paradisiaca, Petrarca canta l’amore per Laura dettato dal fascino, dalla bellezza del suo corpo e dal desiderio di un amore terreno fatto di tentazione e passione, Boccaccio - nei suoi racconti amorosi - vede Fiammetta quale donatrice di voluttà e Leopardi invoca Silvia simbolo di speranza e giovinezza.      Anche la donna ama la bellezza in tutte le sue forme e immagini e anche per lei è principe di beltà il suo simile e contrario, l’uomo, che lo figura in un adone dai pettorali ampi, i fianchi e il bacino stretti con braccia muscolose e potenti capaci di abbracciarla e stringerla a sé per dargli sicurezza e piacere.

ninoelle

Il tuo gradimento: Nessuno (1 voto)