Se non fosse

ritratto di monidol
 
 
E se non avesse un bel colore?
Se fosse altro che cangianti turchesi
e rosa delicati?
Nascosta dallo scintillio
di una falsa trasparenza
forse giace pigra
melma maleodorante
ribollendo
vita indecente
e oscure verità
 
Meschini sarebbero allora
gli uomini illusi
di avere barattato la coda
con possenti ali
di drago
in difesa della loro
meritata ”fortuna”
E se fosse proprio lei
l'ultima cosa da salvare?
 
 
 
 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (1 voto)

ritratto di organick

E se non avesse un bel colore?

 

E se non avesse un bel colore?

 

grazie innanzitutto per le cose che mi hai cavato da qualche angolo buio, la bella domanda invita ad infinite speculazioni del tutto arbitrarie e forse non dovute e, quindi le lascio ai bordi del leggibile e del visibile (se è vero che mangiamo con gli occhi addirittura si dice che nel mondovisione dove siamo finiti, si pensa soltanto con gli occhi: tutto deve passare per il visibile e quello che non lo è...)

leggo un dire misterioso, anche faticoso non propriamente bello, che invita a pensare a filosofeggiare a curare quello che non si è potuto dire altrimenti – ai confini del visibile (utile bello, già formato pronto per l'uso?) c'è l'invisibile sopravvivenza, l'ombra sulla coda dell'occhio, nella melma della coscienza... ecco comparire timidamente l'informe che pure ha una sua forma, come atto impuro? come natura? "vita indecente e oscure verità"...

(non riesco a mettere a fuoco l'immagine ma per similitudine la paragono ad un cretto d'arte, tipo quello di burriana memoria)

leggo Maurice Merleau-Ponty, nell'opera incompiuta "Il visibile e l'invisibile", pagina 179:

La identità, la positività, la pienezza della cosa, ricondotte a ciò che significano nel contesto in cui le coglie l'esperienza, non sono del tutto inadeguate per definire la nostra apertura al "qualcosa"?

la domanda del filosofo, lasciata nero su bianco ma ancora in forma di appunti, raddoppia quella del tuo testo: ora non sono nessuno per dire se possiamo (anche se fosse un solipsismo disperato) esperire "qualcosa" senza identità, senza pienezza, senza significato, senza contesto, senza esperienza... tuttavia ogni possibile apertura a quel fuori, che pure rende ogni scrittura oltre la pena di quello che vorrebbe significare, rende ogni scrittura un'avventura... – ai bordi del visibile come del dicibile c'è un'altra domanda che non occupa nessuno spazio, nei nostri pugni bambini:

 

E se fosse proprio lei
l'ultima cosa da salvare?

 

ritratto di monidol

Il Cretto di Burri

... opera pazzesca, grandiosa quanto densa di vita disperata. Quella mia è fin troppo a fuoco, tanto da scambiare le screpolature del colore come crepe... è Malevic: " Io mi sono trasformato nello zero delle forme e sono uscito dallo zero della creazione, cioè nel suprematismo, il nuovo realismo della pittura, la creazione non-oggettiva".

sei un'opera d'arte pure tu per come guardi e per come dici

grazie

moni

ritratto di Marcello_Bigongiali

approvo

Semplice, sintetica, ermetica, come piace a me!

ritratto di monidol

Lieta che

il mio semplice... ermetismo... (interessante ossimoro), ti aggradi.

Buona giornata.

monica

Io

Io non modificherei proprio alcunché: è efficace e scorrevolissima così. Offre una lettura "aperta" questa tua. Buona Domenica Moni.

ritratto di monidol

In effetti visto

il tema un po' asfittico... un po' di apertura da cui far entrare aria fresca...

Grazie tante della tua sempre attenta e fedele lettura

Buona Domenica anche a te

moni

ritratto di settimosenso

moni

bella questa intensa domanda che il narratore qui si pone sulla via da seguire per sublimare la forma in virtù della sostanza. 

Grazie.

ritratto di monidol

La domanda

si, ultimamente sento intorno a me ​un gran pontificare mentre io sono sono sovrastata dalle domande...Lieta che ci sia ancora qualcuno le apprezzi. Grazie. Moni

ritratto di amitoiD

è il simbolo di un'idea che

è il simbolo di un'idea che si cerca di comunicare e come i simbolisti hai ritratto il mondo delle idee che solo i miti e i sogni rivelano: il mondo visibile, con le sue forme e i suoi colori.

ritratto di monidol

L'idea che cerca di comunicare

Ti ringrazio molto.

Buona Giornata.

moni