Il tuo volto è vento

ritratto di granito luigi

.

Il tuo volto è vento
e si appoggia a me con uno sguardo
mentre spengo ogni passo del destino
e la coda dei tuoi occhi mi raggiunge
Pelle silenziosa che ha gli aloni delle fiabe
di voce che si appiccica ai pensieri
nel rigagnolo che esplora i tuoi contorni
nei pendii che scendono profondi dentro l'anima 
fino a graffiare lo specchio dei mie sogni

.

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

" la coda" dei tuoi occhi mi

" la coda" dei tuoi occhi mi arriva proprio come un'espressione infelice in poesia. Anche la pelle "silenziosa". Spesso si tende a forzare le immagini nella convinzione di evidenziarne l'originalità. Io personalmente credo invece che "sottraendo si aggiunga". Grazie comunque.

ritratto di granito luigi

Forse...

Forse si o forse no. Usando l' espressione " La coda dei tuoi occhi " o " la pelle silenziosa " , non ho cercato l' originalita' ma di descrivere l'attimo così come l'ho vissuto, ne' più né meno.

Pelle silenziosa perché con questa donna raramente parlo e l'unica cosa che mi raggiunge di lei è lo sguardo e la bellezza della sua carnagione. Con questo non voglio negare che ci potrebbero essere anche parole più semplici che si potevano usare anche se non mie in quel momento. Apprezzo comunque il confronto e i suggerimenti. Grazie

G.