A mia madre

ritratto di Igor Giff

https://www.dropbox.com/sc/irxcb1j173crxlo/dYuEb8YOQq

Musica per il racconto: http://www.youtube.com/watch?v=XB97k312nDw

 

                                    A mia madre

 

           Varcata la soglia, sentii subito qualcuno che mi abbracciava. La mancanza d’affetto era svanita senza lasciare traccia ― solo una mamma che amava tanto suo figlio poteva abbracciare così. M’immersi completamente nell’amore di mia madre: mi mancava da molto tempo. Una luce accecante mi colpì e raggiunse il mio cuore. Finalmente, ero di nuovo felice! Sfiorato da quel calore improvviso, non volevo lasciarlo andar via!

           Lentamente alzai le mani e chiusi gli occhi. Immaginai il viso di mia madre. Poi … l’abbracciai. Ero un bambino, ora, circondato da premure … Nuovamente sentii il tocco caldo della sua mano … le carezze sulla testa … Svanito ogni problema, il sole splendeva ancora una volta anche per me …

 

***

 

Ricorderò

fin quando

l’ultima lacrima si asciugherà.

Ricorderò

fin quando

dal cielo la mia stella cadrà.

Ricorderò!

 

***

 

          Parole aspre, amare … Tutte, dalla prima all’ultima, si sono essiccate come gocce scure … Il dolore e le offese, come un rasoio affilato, sono sempre pronte a sfiorare i miei polsi nudi. Attendono solo l’ora stabilita! Per tutto, prima  o poi, c’ è un prezzo da pagare! Il castigo verrà al tramonto: sottile linea rossa sul bianco. Sono pronto!

         Il ghiaccio nero inizia a sciogliersi … Ho poco tempo! Ma no, forse … no! Aspetto, ancora un po’ …

 

***

 

Aspetterò

fino a quando

tutte le lacrime versate

diventeranno rugiada,

pura, argentea rugiada.

 

Crederò

fino a quando

per ogni stella che si spegne

crescerà una rosa,

crescerà una rosa …

Il cielo si affollerà di rose rosse.

 

***

 

         Cerco la strada per il Settimo Cielo, mamma! Credimi, la troverò, ne sono certo!

                               

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (2 voti)

ritratto di rosatea

affidarsi

al ricordo della propria madre, soprattutto quando ci ha molto amato, lenisce i dolori di ogni essere umano!

f

ritratto di Igor Giff

Grazie mille per il vostro

Grazie mille per il vostro commento, Rosatea!

ritratto di gialla

Igor, il tuo racconto

Igor, il tuo racconto dedicato a madre e anche la poesia dentro sono molto commoventi. Molto belli insieme con musica e fotografia. Bravo.

ritratto di Igor Giff

Grazie mille, gialla! Mi

Grazie mille, gialla! yes

Mi manca molto...broken heart

ritratto di voceperduta

..

Nella seconda parte si legge quasi una colpa seppellita, forse un rimpianto. Nel complesso, una bella "litania", che si eleva fin dove è possibile abbracciare il ricordo di chi è dipartito. Saluti, vp

ritratto di Igor Giff

Si, è vero. Grazie per il

Si, è vero.

Grazie per il vostro commento.

ritratto di Claudio Di Trapani

Un ricordo

assai toccante. Splendida e commovente ancche la chiusa.

 

Felice di averti letto almeno un poco.

Un saluto

Claudio

ritratto di Igor Giff

Per ogni persona la mamma e`

Per ogni persona la mamma e` davvero la forza vitale. 

Un saluto anche a te, Claudio

ritratto di d'Artagnan

Per ogni stella che si spegne crescerà una rosa....

E' realtà, questa, ne sono convinto.

Piaciuti immensamente questi tuoi versi incisivi, dettati da amore immenso.

Complimenti !

d'Artagnan.

ritratto di Igor Giff

Grazie

Hai colpito nel segno. Sono stato ispirato dall'amore per mia madre.

Grazie mille per il commento!