Cinque sensi...

ritratto di biancaneve.....

 

Cinque sensi per amarti,
cinque sensi per deliziarti di me.
E' tutto un vivido amplesso,
 ogni tocco di mani
rende i nostri  sensi  "carne viva",
è un gioco di pelle,
di sguardi, di lingue,
sei dentro di me
i  nostri corpi sono fusi
in un'unica, lenta, melodia,
non è solo amore ora
è passione,
tempesta di sensi..
ti vedo..
ti sento..
ti guardo..
ti voglio...
sono tua...
 
 
 
 

 

"Ten . . . kiss me on the lips
Nine . . . run your fingers through my hair
Eight . . . touch me . . . slowly

Hold it! Let's go straight . . . to number one

Seven . . . lips
Six . . . slooowly
Five . . . fingers
Four . . . play

. . . to number one"

 

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

ritratto di Baldo

biancaneve

La tua poesia smentisce un vecchio detto femminile: "Non lo fò per piacer mio, ma per far piacere a Dio!"

Quel vecchio detto, secondo me, dava ad intendere che la donna fosse completamente passiva in amore, ma era sicuramente un'eco degli ammonimenti del confessore di una volta. 

Tutto smentisce quella dichiarazione: anzitutto il letto matrimoniale dove lui e lei devono convivere.

Poi l'azione degli ormoni che incitano (o eccitano, che è lo stesso) all'unione, unione che non avvviene solo negii esseri umani, ma anche negli animali, che al momento opportu viene fecondata non fa altro che miagolare dalla mattina alla sera e cioè piange. e non è andata all'università.

Ciao! Baldo