L'UNICA STAGIONE

ritratto di Re matto

                          Trasparente alla finestra

    la neve imbiancata di notte

e lo sguardo obliquo del vento

Gli occhi di quello stupore

seguivano freddo, febbraio e

il movimento...

 

Amore per esperienza di pelle,

la luce ancora accesa di sogno.

Così come accadde

ed era da sempre...

 

Un'altra finestra

più spessa e trasparente

rami spogli e denudati

senza ormai più alcuno sfarzo

un sole incerto li scaldava

e l'aria progettava nei fiori

il suo antico tormento di marzo

 

Trasparente ora scrutata

dal verde sguardo di aprile

per ritrovarsi a mentire

su ciò che non è mai stato,

finzione del sentire

tra il vissuto e l'esistito

 

Per questo si prende

l'amore come il tempo:

ciò che viene e si prevede

nel movimento,

che cambia nel mutare

il cuore e il suo tormento

perdono ed espiazione...

 

Bentornato tradimento

mia vera ed unica stagione

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

ritratto di Selly e le bebe rosse

Rm

Metafore che accomunano l'amore e il tempo.

Tutto passa, dicono...

E la sensazione che resta è quell'impalpabile senso di non aver vissuto mai abbastanza

e non aver mai vissuto il momento come lo si voleva, lo si desiderava

s

 

ritratto di Re matto

L'unica stagione

già...la sensazione di provare malinconia e nostalgia per quello che non si è vissuto abbastanza o meglio ancora non vissuto per niente..."fingere di aver voluto vivere"...così il tempo non esiste ma passa....