Farfalla

ritratto di Dea

 

Ho sentito battere sulla mia porta

Che era inverno
Nell’oscurità delle nebbie

Vidi avvicinarsi un immagine
Gli occhi profondi come le tenebre

Le sue lunghe dita affusolate
Spalancarono il tempo

Un raggio di sole attraversò le pareti
Dai riflessi dello specchio

Mille colori festanti danzavano
Insieme ci specchiammo

Stupiti …. Increduli … Emozionati …

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento